Quella maledetta sveglia, suona come una routine ogni giorno, sapendo che se non ti sveglierai per spegnerla lei continuerà a suonare per te… allora apri gli occhi e la spegni. Ormai il sonno, quello vero, é perso quindi non rimane altro che alzarsi da quella tana che ti rifugia dai litigi, dalle cattiverie e da tutto ciò che odi. Dopo ti accorgi che cé una giornata di merda, allora timbacucchi bene bene e vai ad affrontare tutto ciò che hai davanti.

Per certi versi può sembrarti una sciocchezza, ma basti pensare che se questi avvenimenti ti capitano in un periodo di stress per te é la fine, non sai più dove aggrapparti, cerchi rifugio nelle persone con la speranza che ti possano capire, ma é difficile quando neanche tu sai cosa vuoi ricevere. Allora ti metti un cappuccio, metti le cuffie e scappi dai tuoi pensieri almeno per un attimo sapendo che almeno per quell’attimo loro non esisteranno più. Aspetti, aspetti e continui ad aspettare. Arrivi a 17 anni e aspetti ancora. Aspetti ciò che non arriva per 5 o 6 mesi e forse anche più. E il tempo vola, scivola via. Arrivi ai 18 e poi ai 19 continuando ad aspettare quel qualcosa che può cambiarti.

Sembra diverso e allo stesso tempo uguale per tutti, sembra tutto un equilibrio sopra un filo, poi ti distrai un attimo e cadi giù nel vuoto; ti risvegli e niente é più come prima, le persone sono andate via, le cose sono cambiate e tu rimani immobile solo per capire che sia tutto vero o sia unaltra illusione simile a quella del filo. Pochi attimi per riprendersi ed accettare le novità.

Si, tentare di accettare le novità, perché sono proprio quelle crude novità che tintristiscono dentro sino a renderti così vulnerabile, simile ad un libro sfogliato da tutti… messo in pubblico.

Ti senti vuoto, capace solo di rimurginare sul passato che diventa sempre più presente in te stesso. Dici di volerlo mettere da parte, di chiuderlo per sempre, ma più ci pensi per allontanarlo e più lui ritorna nel tuo presente, sapendo che da lui non si scappa mai.

Ti mette a confronto con loro, con quelli che sono vicini a te, che hai perso per uno strano caso che poi tanto strano non é, perché nel tuo IO sai anche il perché. Come foglie si vola via in questa vita, come pietre si viene lanciati e come muri si viene scritti.

Poi ora tra qualche mese che sembra lontano ma così tanto poi alla fine non è, si avvicina anche il Natale, dio lho sempre "odiato", non lho mai accettato ed ora sarà ancora più fragile e tosto da superare, non chiedetemi il perché, non basatevi su nostalgie passate per giudicarmi, é solo un fatto personale..

Magari queste parole potranno essere impossibili da comprendere, ma sono ben messe in ordine per far capire un perfetto concetto: quando incominci a prendere le tue delusioni riesci anche a percepire quando una cosa non tappartiene più in quel frangente, e qui come cosa, intendo l’amore.

Per il resto non apro bocca, sapendo che sono nel torto e nellerrore umano, rimango in silenzio di fronte a quella finestra leggendo e rileggendo i miei sbagli incisi su una mente un pò troppo credulona alle FAVOLE damore.

Penso che ormai per me non esiste più orgoglio e quindi lascio sempre quei tre puntini di sospensione sperando che diverrà anchesso un passato che rientri nel presente…

 
Che stupidi che siamo…quanti inviti respinti, quante parole non dette, quanti sguardi non ricambiati. Tante volte la vita ci passa accanto e non ce ne accorgiamo nemmeno.. ( dal film " Le fate ignoranti " )
Annunci

Commenti su: "In Equilibrio…Nella mente…" (1)

  1. Your ha detto:

    la frase ke mi ha colpita di piu in tutto quello ke hai scritto è quella ke dice "Per il resto non apro bocca, sapendo che sono nel torto e nell‘errore umano, rimango in silenzio di fronte a quella finestra leggendo e rileggendo i miei sbagli incisi su una mente un pò troppo credulona alle FAVOLE d‘amore."xke in effetti ti rendi conto ke l\’amore è il tuo tallone d\’achille. ed è una debolezza ke fa troppo male..ti voglio bene roby…Gaia°

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: