Dunque…qualcosa qui non quadra. Ultimamente mi sono posto alcune domande, che probabilmente non meritano risposta e che mi piace adesso scrivere tanto per far dispetto a tutti coloro i quali non sopportano i poveri comuni mortali che imbottiscono i loro prodotti di alta informazione telematica (ovvero i loro totalmente irrilevanti blog) di domande retoriche; quegli adorabili e se? perchè? dov’è? che fanno molto stile adolescenza interrotta e che cascano a pennello quando vuoi affermare un concetto "politically uncorrect" senza paura di essere pubblicamente linciato. Detto questo non mi resta altro che scegliere da quale "domanda" iniziare…
 
  • Vi siete mai chiesti perchè per una persona che decide di vivere pienamente la sua vita un’altra ne deve necessariamente soffrire come una cavia peruviana zoppa sotto i ferri di un ricercatore sadico? Se non lo avete mai fatto, perchè non gettate uno sguardo al vostro amorevole criceto stile hamtaro e vi accorgete finalmente che da giorni implora affinchè gli riempiate la vaschetta dell’acqua??
  • Perchè mai le coppie potenzialmente felici devono sempre trovare pretesti per dichiararsi infelici, ed al contrario le coppie di teneri quanto stupidi quindicenni che a stento arrivano a festeggiare le due settimane insieme vanno in giro deturpando tanto la pubblica proprietà quanto la mia intelligenza con inutili "io e te tre metri sopra il cielo"?
  • Com’è spiegabile che un’insegnante di cui non voglio fare il nome ma della quale dico che ha i capelli rossi, il culo piatto e largo e un gusto non irrilevantemente orrido nello scegliere i vestiti si diverta nel torturare i suoi alunni con ripetuti compiti in classe, probabilmente indice di una scarsa attività sessuale?
  • Ed ancora, cosa si prova nel crogiolarsi nell’innocente illusione di un amore contrastato stile uccelli di rovo, non accontentandosi mai di ciò che si ha, ricercando quell’ideale ormai perduto ma che ancora non ci si decide a buttar via insieme ai calzini bucati e plurirattoppati che si spende meno a comprarne di nuovi che non per il filo da cucito?

Ecco, l’ho fatto. Ricordiamo alla gentile clientela che ogni riferimento a fatti o persone realmente esistiti è puramente casuale…

Annunci

Commenti su: "Ode alla domanda retorica" (1)

  1. - SJS - ha detto:

    baby tu mi stupisci sempre! scrivi delle cose ke sn fuori dal normale. ti capisco davvero… grazie x il commento… sn bella quelle parole. ma kissa… cmq nn o capito a cs ti riferisci quando dici:"Ebbene si…certo che è buffo come l\’uomo (e in particolare io) sbaglia e nonostante questo continui imperterrito a sbagliare…pur sapendo di sbagliare nuovamente…anche se cmq (in teoria) sbagliando si impara…Chissà perchè a prendere le strade sbagliate ci si riesce benissimo e in contromano pure…vabbuè"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: