Archivio per aprile, 2008

Ode alla domanda retorica

Dunque…qualcosa qui non quadra. Ultimamente mi sono posto alcune domande, che probabilmente non meritano risposta e che mi piace adesso scrivere tanto per far dispetto a tutti coloro i quali non sopportano i poveri comuni mortali che imbottiscono i loro prodotti di alta informazione telematica (ovvero i loro totalmente irrilevanti blog) di domande retoriche; quegli adorabili e se? perchè? dov’è? che fanno molto stile adolescenza interrotta e che cascano a pennello quando vuoi affermare un concetto "politically uncorrect" senza paura di essere pubblicamente linciato. Detto questo non mi resta altro che scegliere da quale "domanda" iniziare…
 
  • Vi siete mai chiesti perchè per una persona che decide di vivere pienamente la sua vita un’altra ne deve necessariamente soffrire come una cavia peruviana zoppa sotto i ferri di un ricercatore sadico? Se non lo avete mai fatto, perchè non gettate uno sguardo al vostro amorevole criceto stile hamtaro e vi accorgete finalmente che da giorni implora affinchè gli riempiate la vaschetta dell’acqua??
  • Perchè mai le coppie potenzialmente felici devono sempre trovare pretesti per dichiararsi infelici, ed al contrario le coppie di teneri quanto stupidi quindicenni che a stento arrivano a festeggiare le due settimane insieme vanno in giro deturpando tanto la pubblica proprietà quanto la mia intelligenza con inutili "io e te tre metri sopra il cielo"?
  • Com’è spiegabile che un’insegnante di cui non voglio fare il nome ma della quale dico che ha i capelli rossi, il culo piatto e largo e un gusto non irrilevantemente orrido nello scegliere i vestiti si diverta nel torturare i suoi alunni con ripetuti compiti in classe, probabilmente indice di una scarsa attività sessuale?
  • Ed ancora, cosa si prova nel crogiolarsi nell’innocente illusione di un amore contrastato stile uccelli di rovo, non accontentandosi mai di ciò che si ha, ricercando quell’ideale ormai perduto ma che ancora non ci si decide a buttar via insieme ai calzini bucati e plurirattoppati che si spende meno a comprarne di nuovi che non per il filo da cucito?

Ecco, l’ho fatto. Ricordiamo alla gentile clientela che ogni riferimento a fatti o persone realmente esistiti è puramente casuale…

Annunci

BIANCO O NERO…. MA IL GRIGIO ESISTE???

Eh si cari amici…avete letto bene, quando si infilano le giornate come quella di oggi si inizia a riflettere sulla visione della vita che si ha.
Mi spiego, chi mi conosce mi dice: " Tu vedi le cose monocromatiche ed univoche, non sai che esistono le mezze misure ???", e quì siamo al punto!
A fine giornata si tende a tirare i risultati delle ore passate; bhe per me le frasi come " Tutto sommato nel brutto sta il bello, basta vederlo " oppure la storia del bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto, MI URTANO DECISAMENTE.
1) – Ti svegli, ti prepari ed esci. Al bar trovi il tipo che, mentre tu mangi il tuo bombolone con la crema e con granellini di zucchero che cadono nel frattempo ovunque, lui ti sventola a due centimetri dal naso le pagine della Gazzetta, annuendo e sbattacchiando la bocca come se non mangiasse da dodici anni …. e va bene tolleranza… ma inizio a pensare: " Non esisti solo tu. "
2) – Prendi la tua macchinetta per andare a lavoro o a scuola e, puntualmente, al semaforo che regola il senso unico in via Marconi, passa il giovincello ingellato a due centimetri dalla tua carrozzeria con la radio che sbraita alle sette del mattino note insistenti e fastidiose; qua iniziano a cedere i nervi…e quindi fuori il dizionario aggiornato degli insulti, comprensivo di sinonimi e contrari, e giù parole che grido alla pianta li vicino perchè (troppo preso dal nervoso) non mi accorgo che il tipo non c’è più.
3) – Ti dici: "migliorerà la giornata!" …confidi in un proseguio sereno sul lavoro o a scuola ed ecco lì!!! Il telefono suona anche in bagno, devi scrivere un appunto in fretta (ne va della tua vita ) non trovi una penna nel raggio di due chilometri, parli con la professoressa di matematica vedova dicendole che hai preso accordi con il marito poche ore fa ( parapsicologia o scemenza ? ), insomma manca solo che ruzzoli dalle scale ( questo mi manca ) e poi il cocktail è pronto.
4) – Apri la porta di casa e ti trovi la lista dei problemi da risolvere e dei dubbi da schiarire ( dove ho messo le chiavi della macchina, eppure ci devono essere perchè l’auto è in garage ….ah si, sono vicino al cellulare…CELLULARE????? Cavolo l’ho lasciato nel cassetto nell’ufficio del locale!!! ).
Rilassiamoci con un bel bagno e poi a nanna…. DRRIIINNN campanello di casa, l’amico con tutte le turbe di rimanere zitello perchè ha i peli sulle gambe…
Vi basta? ORA, IO MI CHIEDO, COME SI PUO’ VEDERE IL BICCHIERE A META’ MEZZO PIENO? COME E’ POSSIBILE VEDERE IL BELLO IN QUESTO CASO? Torno della mia tesi il grigio esiste come colore, ma non come filosofia. O una cosa va bene o male, o una giornata è serena o diventa un inferno.
PESSIMISTA? No perchè, quando c’è il bello sono al settimo cielo…. ma non si può negare che quando ci si mette la sfortuna non esiste una via di mezzo…O E’ NERO O E’ BIANCO….

Ricordati…

Ricordati…
Che bisogna vivere per capire…
E’ immergendoti nella difficoltà, è bagnando le ossa e la pelle dell’esperienza a volte cruda, solo così si può sentire palpitare il cuore del mondo…
“il legno forte non cresce negli agi”.
Ogni sofferenza, ogni stato di apatia è preludio di una conoscenza, porta in grembo la forza della “possibilità”.
Ricordati se soffri non è per sofferenza gratuita, la sofferenza è un regalo che ti viene fatto per scoprire qualcosa, per salire di un gradino, per salire quel gradino che ti permette di gustarti il panorama!! Ricorda quanto ti piacciono le montagne, sali lì in alto… guardi, e ti senti più vicino agli angeli e a Dio!
Ricorda, la tua vita e le opportunità che hai sono il meglio del mondo, sta a te alzarti e affrontare quel meglio… affrontalo con forza!!
Non dimenticarti, siamo anime, anime che hanno deciso di incarnarsi e di evolvere,  migliorare, e ricorda che qui, questa terra è popolata da altre anime che devono evolvere, c’è chi sbaglierà ancora, c’è chi capirà, c’è chi dovrà tornarci ancora e ancora più volte.. per comprendere, per avere consapevolezza di quel battito del cuore del mondo… se stai in silenzio e annulli i tuoi sensi, lascia che la tua anima ascolti, è una melodia, la melodia dell’amore, che ha un suono.. e io l’ho sentito e… lo sento ancora!  Lotta, lotta… questa è sempre stata la tua natura… un angelo che ci ha sempre rotto le scatole per lottare, lotta per te, per la tua essenza e lotta per gli altri, perché guardino sicuri all’avvenire. Lotterò per un semplice sorriso,  per una stretta di mano,  per un “si”,  per un solco dove poter seminare, per una sola rondine che deve volare,  per la vita, per quel germoglio che diventerà ramo e darà i suoi frutti… ricorda… anche Gesù aveva paura, ma era consapevole della grandezza di ciò per cui lottava, lottava per la vita ed ha lottato con l’unica arma vincente: l’amore!
Anche le statistiche ce lo dimostrano evidenziando come  l’amore sia l’unica arma.. ma noi chiudiamo gli occhi, perché? E un giorno diremo.. “Eppure ce l’avevamo davanti agli occhi ogni santo giorno.. ma non volevamo vedere!! Non volevamo vedere che l’amore è ciò che ci rende realmente felici, ciò che siamo!”.
E ricordatevi, non abbiate paura di amare, è la sola cosa che ti può salvare, che ci può sorreggere che ci porta verso la luce, che ci fa salire di un gradino.

Che mondo -.-‘

 

(16.00) XanthiC:

roby scusami ho bisogno di sfogarmi un attimo …ho bisogno di te…

(16.00) SI{R}IUS:

sempre per quella situazione? oddio dimmi pure

(16.01) XanthiC:

roby ti spiego subito…il fatto è che io odio la slealtà, la nn sincerità, l’essere fino in fondo innamorati di se stessi…tanto da far passare le altre persone da oggetti inutili

(16.01) XanthiC:

E’ una cosa che nn entra nella mia concezione di vita! Il rispetto per il prossimo è sempre la prima cosa….

(16.01) XanthiC:

Eppure continuo a nn meritarlo!

(16.01) XanthiC:

sono estremamente convinto di nn essere stato buono in una vita precedente….e oggi le sconto tutte, una dopo l’altra

(16.01) XanthiC:

è verissimo che….tutto è esperienza nella vita ma….basta aoh roby… e io nn ce la faccio più 😦

(16.02) XanthiC:

passo la metà del tempo a rialzarmi….anche quando nn ho fatto niente per meritarmelo

(16.02) XanthiC:

odio le persone nn schiette….odio le persone che hanno paura, odio le persone che mettono davanti 8000 scuse per nascondere la realtà…

(16.02) XanthiC:

odio le persone che sanno imbastirti le cazzate e che poi…ti rifilano che è per il tuo bene

(16.02) XanthiC:

sono tutte cazzate roby

(16.03) XanthiC:

non ho più 15 anni per credere a una cosa del genere…a 23 si inizia a distinguere la verità dalla stronzata

(16.03) XanthiC:

eppure….esiste ancora gente che sa dirti: "lo faccio….proprio perchè ti voglio bene…." ma per favore….
 

(16.03) XanthiC:

modo carino per dire….."non capisci che non ti voglio più vedere?"… ma io dei modi carini, ne ho le palle piene…ma proprio piene

(16.04) SI{R}IUS:

oi fratè calmati un attimino… ti fa male tutta questa rabbia

(16.04) SI{R}IUS:

(16.04) XanthiC:

no roby

(16.04) XanthiC:

nn ci riesco

(16.04) XanthiC:

quando si vuole bene, lo si dimostra…..non ci fa una piega

(16.04) XanthiC:

anche perchè da che mondo e mondo….se si vuole bene, si ha anche voglia di dimostrarlo, voglia di condividerlo

(16.04) SI{R}IUS:

questo è vero…

(16.04) XanthiC:

bene

(16.05) XanthiC:

io di questa gente…negli ultimi anni ne ho conosciuta troppa

(16.05) XanthiC:

gente che preferisce parlare tramite msn e non vederti…gente che nn trova coraggio per uscire e dirti in faccia tutto ciò che pensa….. è meglio che nn dico come le reputo! E’ meglio di no!
 

(16.05) SI{R}IUS:

c’è sempre stata questa gente …è inutile stare qui a parlarne tanto le cose non cambiano e non cambierano mai ora come ora

(16.06) XanthiC:

epoca di merda questa

(16.06) XanthiC:

conoscenze sbagliate che ti cambiano la vita….prima in bene e poi il disastro

(16.06) XanthiC:

ne ho davvero le palle piene

(16.06) XanthiC:

sono stufo di rimanere deluso dalle persone, stufo di dare sempre troppo, per non ricevere mai un cazzo….

(16.07) XanthiC:

vado a lavoro ora

(16.07) XanthiC:

grazie roby per avermi ascoltato ..come sempre

(16.07) SI{R}IUS:

figurati …tranquillo se hai bisogno come sempre c’è il cell…il nr lo hai

(16.07) XanthiC:

grazie roby…ci sentiamo dopo casomai tvb

(16.08) SI{R}IUS:

tvb anche io Leo…

(16.08) SI{R}IUS:

😉

(16.08) XanthiC:

bellaaaaaaa

(16.08) SI{R}IUS:

ciauzzzzzzz

Beh che posso dirti…Purtroppo non è facile capire questo mondo e comunque è inutile cancellare qualcosa dalla mente quando ormai l’hai incisa nel cuore…A volte percepiamo la necessità di capire noi stessi, togliendoci tutti i panni che tanto bene e teatralmente portiamo in giro per il mondo e tutto ciò che ne consegue…Capita a tutti, prima o poi, di voler cercare il proprio posto nel mondo e chissà in realtà quanti effettivamente lo trovano…Che dirti…Non ho parole…E penso di aver detto tutto… 

E’ difficile AmArE

Esistono mille modi diversi di manifestare il proprio amore…

a volte capita che il nostro modo di amare sia per noi l’unico esistente sulla terra e cerchiamo la persona che possa amarci nello stesso modo, ritenendo erroneamente che sia il modo "giusto"!

Forse è questo che ci fa credere di non esser ricambiati dalla persona che abbiamo accanto, che magari ci lascia un senso di amaro in bocca e non ci fa cogliere i segnali di amore dell’altro, perchè vorremo che rifletesse lo stesso nostro criterio….

Sbagliato o giusto che sia, penso che questo accada, e che sia naturale.

C’è chi esprime il proprio amore in maniera "fisica", ha bisogno e voglia di esprimere il proprio amore con affetto coccole baci, l’amore che prova per il proprio partner, sentirsi uno nell’altro, e si aspetta altrettanto da lui;
c’è chi lo esprime e vive in maniera "interiore", gustandosi tutto quello che sono i propri sentimenti e aprendosi all’altro con piccoli gesti pieni d’amore che hanno un valore preziosissimo;
c’è chi vive l’amore con "paura", frena le proprie manifestazioni, nello stesso attimo in cui vorrebbe esprimerle pur scoppiandogli nel petto mille emozioni, oppure immediatamente dopo averle manifestate, subito le nega, per la paura che mai possano esser capite e tantomeno ricambiate;
c’è chi manifesta l’amore come si può "amare un amico", dove la passione lascia più spazio al dialogo, e il contatto fisico è nutrito da quello intellettuale…

….e chi trasmette il proprio amore con un pò di tutto questo

E’ difficile amare e ancor più credere di esser amati veramente…..
Ed è ancor più difficile tornare ad offrire il proprio cuore e ad avere fede in un’altra persona dopo una grandissima delusione…

E capire che…

 

E capire che forse amare è un’altra cosa. E’ sentirsi leggeri e liberi. E’ sapere che il cuore degli altri non lo pretendi, non è dovuto, non ti spetta per contratto. Devi meritarlo ogni giorno. E dirglielo. Dirlo a lei. E capire dalle risposte che forse bisogna cambiare. Bisogna andare via per ritrovare la strada….                          Perchè,quando qualcuno che vuoi se ne va,provi a trattenerlo con le mani e speri così di afferrare anche il suo cuore. E invece no. Il cuore ha gambe che non vedi….                                                                                  L’amore non è un debito da saldare,non regala crediti,non accetta sconti….                                                                                   Forse bisogna viaggiare prima di capire qual è la meta giusta per noi.

 

Il vero amore è quando uno dei due rinuncia a qualcosa di importante di suo per l’altro senza che gli sia stato chiesto 

I giorni passano, la vita scivola via… ma chi ti ama veramente rimane sempre al tuo fianco contro ogni difficoltà…l’amore..

 

L’amore vero è quello che si costruisce con il tempo, condividendo cose belle e brutte dove il rapporto si cementifici ,

gli amori più grandi sono quelli costruiti nel tempo.

Perchè l’amore è una cosa bellissima ma anche molto complessa da esprimere ….

 

Sarebbe bello che almeno i valori dell’amore fossero rimasti quelli di un tempo…

ed esistessero ragazzi/e con quei valori… 

Il ricordo del vento

Il ricordo di un amore lascia in bocca il sale, ed arriva dritto al cuore senza nemmeno avvisare. Il ricordo di un amore che è stato, di un amore indistinto, opaco intermezzo tra i mille pensieri, tra il consueto di tutti i giorni, che pur non notando quasi più, ci sfinisce. E questa coltre fitta e sempre più confusa prende talvolta la forma di un pensiero felice, più spesso di un presagio triste, avvolgente e fastidioso come l’umidità d’estate. Inspiegabilmente il vento della passione quasi sempre ci porta a compiere azioni che ricorderemo negli anni come stupide, magari nel senso di banali, oppure nel senso di autolesioniste e inconcludenti. Compriamo scatole di cioccolata pregiata, fiori rossi e gonfi di passione, regali costosi; ci modifichiamo, tanto nel carattere quanto nell’aspetto, ci rendiamo ridicoli per il mondo intero ma amabili per quell’unica persona che in quel momento ci interessa; andiamo in palestra, dal parrucchiere, in farmacia…
Poi d’un tratto svanisce. Forse svanisce soltanto da un lato, ma a soffrire si è sempre in due. Passano i giorni e passano i mesi, non importa se in solitudine o in compagnia, ma prima o poi tornerà, la coltre opalescente, per quel tempo che basta a ravvivare il ricordo di un amore, che continuerà oramai a viaggiare imperterrito nella testa. I ricordi, come le relazioni, hanno sempre tante facce, ma solo una è quella che nel momento in cui sfrecciano combacia con noi. E come le relazioni, anche i ricordi una volta passati lasciano amarezza, e vanno rivissuti velocemente, senza dargli il tempo di aggrapparsi rovinandoci alla vita che viviamo.
 
Mettiamo una maschera, usciamo di casa e fingiamo di stare bene: per le occhiaie c’è la Nivea, ma per le ferite del cuore non c’è cosmetico che tenga.

Tag Cloud